Monte Chersogno m. 3023

screenshotscreenshot 2

 

Domenica 20 Settembre 2015

Oggi la giornata è splendida. Con i nostri amici Ivana,Franco,Gianfranco e Biagio decidiamo di andare sulla bella e famosa montagna della Val Maira: il Chersogno. Risaliamo quindi la valle e a Prazzo svoltiamo a destra seguendo le indicazioni per San Michele. Seguiamo la lunga strada per raggiungere infine con un tratto di sterrata la bella e caratteristica borgata di Chiotti,situata su un solare pianoro a 2000 metri proprio sotto la nostra cima.

Chiotti

Chiotti

P1080398

partenza

Il nostro tracciato segue un sentiero che porta al colle di Chiosso,borgata del comune di Elva,situato sulla dorsale che separa il vallone di Elva da quello di Prazzo. Qui passa anche un bello e poco conosciuto itinerario invernale di scialpinismo: la Cima Sarsassi

in salita

in salita

Colle di Chiosso

Colle di Chiosso

Cima Sarsassi

Cima Sarsassi

Di qui lasciato il tracciato che scende a Chiosso e un altro che porta al nuovo Bivacco Bonfante e alla conca dei Laghi di Camosciera svoltiamo a sinistra e superato un ripido pendio, sempre su ottimo sentiero ci troviamo nella conca sotto la cima. Passiamo adesso sul versante nord su una leggera spruzzata di neve dei giorni precendenti. Saliamo sula ripida ed evidente traccia che sbuca sotto la cima al Passo del Chersogno.

sul versante nord

sul versante nord

Passo del Chersogno

Passo del Chersogno

Di qui seguiamo il sentiero che sale l’ultimo ripido pendio che porta alla grande croce della cima.

l'ultimo pendio

l’ultimo pendio

vista su Marchisa e Gialeo

vista su Marchisa e Gialeo

arrivo in cima

arrivo in cima

dalla cima

dalla cima

Anto arriva in cima

Anto arriva in cima

La giornata è veramente spaziale,il panorama si apre su tutta la val Maira,Valle d’Aosta e il lontananza il gruppo dell’Adamello.

verso le Marittime

verso le Marittime

L’aria è comunque frizzante e dopo un pausa mangereccia ci incamminiamo in discesa per completare il nostro percorso. E’ nostra intenzione scendere per il costone che porta al Monte Le Brune e il Ruissas per poi tornare a Chiotti attraverso il Sentiero dei Pastori.

Tornati al Passo Chersogno raggiungiamo in breve il Passo delle Brune da dove parte la lunga dorsale che seguiremo. Dapprima per cresta e poi sul versante del vallone di Verzio per evitare i salti rocciosi delle Brune,giungiamo su facile terreno ma senza sentiero o tracce, ad un erboso colle.

in discesa

in discesa

P1080448 copia

vista su Chambeyron

vista su Chambeyron

Da questo colletto scendiamo su facile terreno erboso per circa 100 metri di dislivello finchè recuperiamo la traccia segnata in rosso del Sentiero dei Pastori.

sul Sentiero dei Pastori

sul Sentiero dei Pastori

Questo sentiero è stato segnato ultimamente con tacche rosse e attrezzato con alcuni cavi e corde nei punti più esposti. Si tratta comunque di una traccia poco marcata e poco visibile nella parte alta e con alcuni tratti un pò esposti da affrontare con cautela. Da evitare assolutamente in giornate con scarsa visibilità o piovose in quanto passa in mezzo a salti rocciosi e ripidi pendii erbosi.

sul sentiero

sul sentiero

tratti attrezzati

tratti attrezzati

partenza del sentiero a Chiotti

partenza del sentiero a Chiotti

Scendiamo cos’ seguendo il tracciato fino alla borgata Chiotti e all’auto

Traccia GPS

 

Rispondi

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com