Lottulo – Celle Macra

map

 

tab

 

Sabato 29 Ottobre 2016

Oggi mi trovo con mio fratello Jello,Cate,Antonella e Marge in Val Maira e precisamente dal paesino di Lottulo,piccolo borgo che si trova circa a metà della valle. L’itinerario di oggi percorre un antico sentiero che sale alle numerose borgate che compongono il comune di Celle Macra,percorre un tratto del Sentiero degli Acciugai per poi ritornare a Lottulo passando per la caratteristica borgata di Soglio e un altro antico sentiero.

Raggiunto quindi Lottulo da Dronero, lo attraversiamo fino alle ultime case per poi prendere a sinistra una stradina poco visibile che scende costeggiando la statale verso le case di Garino. Attraversiamo il ponte sul Maira e parcheggiamo subito dopo in uno slargo nei pressi della palina che indica il nostro percorso.

partenza

partenza

 

Il sentiero si inoltra nel bel bosco di faggi e bassa vegetazione e sale deciso con alcune svolte,attraversa un valloncello per poi immettersi in una strada forestale che porta alla Cappella Pilone Vitale.

 

sul sentiero

sul sentiero

 

in salita

in salita

 

 

colori autunnali

colori autunnali

 

arrivo sulla stradina

arrivo sulla stradina

 

Cappella San Vitale

Cappella San Vitale

 

Superiamo questa antica cappella e continuiamo sulla forestale lasciando poco più avanti a sulla destra un sentiero che scende a Macra. Dopo un paio di tornanti la stradina ci porta in una zona molto umida e infine raggiunge la bella Cappella di San Giacomo,recentemente ristrutturata con tanto di panca e tavolo all’esterno.

 

bivio per Macra

bivio per Macra

 

Cappella di San Giacomo

Cappella di San Giacomo

 

Il bosco intanto si dirada e ci lascia intravedere il versante sinistro orografico della valle. Continuiamo sulla forestale che adesso è diventata una carrozzabile fino al Pilone di Marcassa,posto su un panoramico poggio e a breve distanza dalla borgata Ansoleglio.

 

uno sguardo al versante opposto delle val Maira

uno sguardo al versante opposto delle val Maira

 

Pilone Marcassa

Pilone Marcassa

 

img_0417-copia

 

gruppo Chersogno,Marchisa

gruppo Chersogno,Marchisa,Pelvo

 

Continuiamo per poche decine di metri fino a giungere a un bivio sulla sinistra che indica Castellaro e Piano della Colla. Svoltiamo quindi per questo sentiero proseguendo in leggera salita fino a sbucare sulla strada asfaltata che giunge dal fondovalle. Seguiamo l’asfalto per pochi metri fino alle case di Grangia per poi abbandonare la strada svoltando nuovamente a sinistra in corrispondenza di una palina segnalatrice.

 

a Grangia svoltiamo a sinistra

a Grangia svoltiamo a sinistra

 

Il percorso a seguire segue tutta una bella dorsale,ripercorrendo il Sentiero degli Acciugai,segnalato da pannelli esplicativi che spiegano la storia di questa popolazione costretta e emigrare.

 

img_0427-copia

 

img_0430-copia

 

img_0433-copia

 

Raggiunta una sterrata continuiamo lungo ad essa fino alla spinata del Piano della Colla e al colletto dove a sinistra inizia il nostro percorso di discesa. Abbandoniamo quindi la sterrata e seguiamo il sentiero che passa sul versante sinistro della dorsale per raggiungere la solare borgata di Soglio. Passiamo attraverso dei bei prati e arriviamo alle case e alla piccola e caratteristica chiesetta

 

al colletto dove inizia la discesa

al colletto dove inizia la discesa

 

verso Soglio

verso Soglio

 

verso la pianura

verso la pianura

 

a Soglio

a Soglio

 

Ci fermiamo per uno spuntino su una bella panca al caldo sole nei pressi di una fontana e di un lavatoio. Non ci viene più voglia di ripartire per la tranquillità e il tepore della giornata ma poi ci sforziamo e riprendiamo il cammino seguendo il sentiero che scende a sinistra in mezzo alle case. Raggiunta una casa che pare abitata e dove passa la strada sterrata che giunge da Paglieres e porta a Celle,la attraversiamo e scendiamo per un sentiero inizialmente poco evidente e non segnalato che passa per un prato ed una malandata e abbandonata serra orticola.

 

sulla panca al sole

sulla panca al sole

 

Il sentiero adesso più evidente si inoltra in una bellissima faggeta e dopo un breve tratto con alcune svolte taglia decisamente a sinistra e con un traverso evita il dirupato pendio sottostante. Più avanti riprende a scendere con altre svolte fino a raggiungere gli antichi ruderi di un castello,o perlomeno così è indicato sulla mappa. Ancora un ultimo tratto in discesa e raggiungiamo una stradina nei pressi della borgata di Garino. Di qui in breve per la strada di accesso alle case, ritorniamo all’auto.

 

ruderi del castello

ruderi del castello

 

a Garino

a Garino

 

Traccia GPS

 

Rispondi

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com